Norma ISO 14001:2015

Sistema di gestione ambientale

La ISO 14001 identifica lo standard di gestione ambientale (SGA) che fissa i requisiti di un «sistema di gestione ambientale» di una qualsiasi organizzazione. La norma ISO 14001 si ispira esplicitamente al modello PDCA (Plan-Do-Check-Act) o ciclo di Deming.
I requisiti previsti nella norma sono del tutto generali, applicabili a qualsiasi tipo di organizzazione.

Pianificare (PLAN)

Consiste nella attuazione e mantenimento di procedure per:

  • Identificare gli “aspetti ambientali” dell’organizzazione, stabilire, cioè, in che modo le attività, i processi, i prodotti aziendali possono avere “impatto” sull’ambiente e definire un criterio di valutazione della criticità di tali impatti.
  • Identificare e definire i criteri di applicazione delle “prescrizioni legali e altre prescrizioni”.
  • Definire, attuare e mantenere gli “obiettivi e traguardi ambientali” ed i relativi “programmi ambientali” per conseguirli.

Attuare (DO)

Quanto definito nella politica, negli obiettivi/traguardi e nei programmi ambientali deve poi essere concretamente realizzato tramite:

  • Definizione di “risorse, ruoli, responsabilità e autorità” relative al sistema di gestione ambientale.
  • Definizione, attuazione e mantenimento di procedure per la “competenza, formazione e consapevolezza” delle persone.
  • Definizione, attuazione e mantenimento di procedure per l’emissione, il riesame, la modifica, l’aggiornamento, la disponibilità, l’accessibilità, il controllo della “documentazione” del sistema di gestione ambientale.
  • Regolamentazione tramite opportune procedure per il “controllo operativo” del sistema di gestione ambientale.
  • Definizione, attuazione e mantenimento di procedure per l’individuazione e la riduzione del danno (riduzione degli impatti ambientali negativi) delle potenziali emergenze ambientali.

Verificare (CHECK)

L’operatività definita e posta in essere secondo quanto sopra descritto deve essere sottoposta ad un opportuno regime di verifica per dare evidenza e tenere sotto controllo l’efficacia e la correttezza dell’attuazione del sistema di gestione. Ciò deve avvenire tramite:

  • “Sorveglianza e misurazione”, vale a dire la definizione, l’attuazione ed il mantenimento di procedure per il continuo monitoraggio delle operazioni che possono avere impatti ambientali significativi, del raggiungimento degli obiettivi prefissati, della corretta taratura della strumentazione di monitoraggio ambientale.
  • La gestione delle “non conformità e azioni correttive” è il modo con cui l’organizzazione ha impostato il proprio sistema per affrontare l’eventualità di un mancato soddisfacimento di un requisito, prevenirne le cause ed attenuarne gli effetti negativi.

Agire (ACT)

  • Si esegue nel “riesame della direzione”.

I principali vantaggi di un sistema di gestione ambientale certificato sono:

  • Controllo e mantenimento della conformità legislativa e monitoraggio delle prestazioni ambientali.
  • Riduzione degli sprechi (consumi idrici, risorse energetiche, ecc.).
  • Agevolazioni nelle procedure di finanziamento.
  • Strumento di creazione e mantenimento del valore aziendale.
  • Strumento di salvaguardia del patrimonio aziendale.
  • Garanzia di un approccio sistematico e preordinato alle emergenze ambientali con modalità definite per la prevenzione dei reati ambientali.
  • Migliore rapporto e comunicazione con le autorità.
  • Miglioramento dell’immagine e della reputazione aziendale.

 

Contattaci per un incontro conoscitivo presso l’azienda ed alla successiva emissione di offerta.